Come l’innovazione tecnologica può supportare lo sviluppo sostenibile?

Questo post nasce dall’esigenza di argomentare cosa oggi, allo stato attuale del Paese Italia, possiamo definire drivers” per uno sviluppo sostenibile.
Ritengo egregia l’iniziativa del periodico on-line “EconomyUp.it”, risalente a qualche mese fa, di diffondere in occasione di SMAU 2013 una versione cartacea con le 10 parole chiave per lo sviluppo, declinate da 10 campioni del Made in Italy. A prescindere dai nomi dei protagonisti, quello che colpisce è la ricorrenza delle parole “innovazione” e “sostenibilità. Come l’innovazione tecnologica può supportare lo sviluppo sostenibile Continue Reading →

Lo sviluppo sostenibile come risposta alla crisi del nostro Paese

Una delle bibbie del secolo corrente, che vi consiglio di leggere, è Green Marketing Il Manifesto di John Grant. Un libro che, a mio modesto parere, può essere un manuale per apocalittici ed integrati di turno utile a capire di volta in volta se la strategia di marketing che sta seguendo la nostra organizzazione può essere definita “integra” o tendente al greenwashing (tendenza di cui ho già fatto cenno nel mio precedente post).

Articolo sul blog di ethical business di roberta esposito

Fonte: morguefile.com

Il messaggio di questo libro può essere così sintetizzato: la sfida delle organizzazioni che vogliono mantenere una posizione rilevante sul mercato, acquisire consensi e prospettare un futuro di lungo termine è quella di riuscire ad adottare una strategia di sviluppo sostenibile. E questo è sempre più dimostrato dalla cronaca: è notizia recente la consegna del premio “Sviluppo Sostenibile 2013” a Rimini in occasione di Ecomondo, la più accreditata piattaforma per il bacino del Sud Europa e del
Mediterraneo per la valorizzazione e il riuso dei materiali e per la grande industria del futuro. Continue Reading →

La Finanza Etica in Italia

La finanza e l’investimento sono sempre stati visti con i parametri del rendimento, del capitale, dell’interesse.
Sempre di più si sta diffondendo una nuova cultura che mira all’investimento con caratteristiche etiche, dove l’investitore mira non solo alla speculazione ma punta su attività che rispondano a certi requisiti di responsabilità sociale ed ambientale.
La borsa viene vista come un prezioso servizio all’economia di mercato quando gli investimenti non sono semplici speculazioni e manipolazioni individuali.
Da pochissimo viene teorizzata la sinergia tra economia ed etica. Ciò si deve all’economista, premio Nobel, Amartya Senuna finanza eticamente orientata che sostiene che al valore della ricchezza, la quale rimane sempre un elemento base del mercato, debba essere aggiunta anche la felicità, che è un concetto diverso dal benessere. Una persona è più ricca di un’altra quando è più felice ed ha ottenuto una migliore qualità della vita. La qualità della vita diviene quindi una variabile algebrica nei calcoli economici. Il mercato è vero mercato quando non produce solo ricchezza ma soddisfa anche attese e valori etici.
Il risparmiatore diviene così controllore delle conseguenze non economiche degli atti e delle azioni economiche.
In Italia il dibattito circa la dimensione etica della finanza sta muovendo i primi passi, anche grazie alle novità normative introdotte con la legislazione sulle Fondazioni bancarie.
L’investimento etico consiste nella selezione e nella gestione degli investimenti (azioni, obbligazioni, prestiti) condizionata da criteri etici e di natura sociale, concetto racchiuso nell’espressione socially responsabile investment usata negli Stati Uniti, o ethical investment, espressione usata in Gran Bretagna.
L’investitore etico è invece colui che non è unicamente interessato al rendimento delle proprie azioni, ma vuole conoscere le ragioni di fondo che realizzano questa redditività, le caratteristiche dei beni prodotti, la localizzazione dell’azienda e verificare come vengano condotti gli affari.

Manifesto della Finanza Etica
Continue Reading →

La professionalità. Valore e dimensioni

coa intendiamo per professionalitàIn qualsiasi ambito, tutti parlano di professionalità, forse però senza domandarsi cosa effettivamente essa sia. Un dilemma, quindi, sul quale è opportuno riflettere per sgomberare il campo da equivoci e perplessità.
Quante volte si sente parlare di professionalità, o per rimarcarne l’importanza o per evidenziare l’assenza di comportamenti ispirati a un modo di fare e di agire esemplari ed eticamente corretti. In fondo, è proprio questo ciò che costituisce l’essenza della vera professionalità. Un fatto però è certo: oggi con troppa facilità e spesso a sproposito, e senza alcuna cognizione di causa, si parla di professionalità. Quasi fosse un bisogno psicologico comune (inconsciamente percepito) non ancora soddisfatto, o un’esi­genza dell’immaginario collettivo di esorcizzare gli effetti negativi della sua mancanza. Senza considerare poi, che il termine “professionalità” affascina, seduce e crea comunque un alone positivo che non dispiace.
Allora, professionalità uguale grimaldello “ever green” che non passa mai di moda, comodo attrezzo multifunzionale da maneggiare con disinvoltura, o bella cornice dorata per qualsiasi evento o contesto ambientale? Continue Reading →